Homepage Chi siamo Prodotti Shop Contatti
Sei in: Home Page  News  Visualizzazione New
 
Visualizzazione New

il Mirto  (3331 Click)
questa pianta meravigliosa !
29/04/2012
staff
 

 

0digg
Mirto bianco

Il mirto (o mortella) era una delle piante simboliche più importanti dell’antica Roma, e secondo Tito Livio l’Urbe era nata nel punto dove era spuntato l’arbusto. 
Due le varietà di mirto: il rosso quello più diffuso è famoso per le sue bacche, il bianco apprezzato invece per i germogli. Elemento tipico della macchia mediterranea, era considerato una rappresentazione dell’amore per eccellenza, sia sacro che profano. Con una corona di mirto, simbolo dell’unione coniugale, chiamata “coniugalo” si adonarva la sposa il giorno delle nozze. 
Le donne che partecipavano alle feste in onore della Venere Mirtea se ne cingevano le braccia, il capo e le caviglie, ritenendolo un potente afrodisiaco in grado di sollecitare il desiderio e favorire gli incontri. Tra gli amanti c’era l’uso di cogliere rami di mirto al solstizio d’estate per stringere un patto di reciproca fedeltà. 
Se il medico Discoride (I sec.) lo riteneva efficace contro molte malattie, i più ne evidenziavano le virtù aromatiche, considerandolo pregiato al pari delle essenze più preziose. 
Poiché i poeti latini che avevano cantato l’amore erano stati incoronati con mirto, nel linguaggio poetico italiano il termine “mirto” divenne metafora di sentimento amoroso, come testimonia il Foscolo scrivendo “secco è il mirto” riferendosi ad un amore sopito. 
Nell’antichità questo era anche un arbusto che identificava la supremazia, perché nel colonizzare i terreni scacciava ogni altra pianta. In riferimento alla sopra citata peculiarità, Plinio ricorda che in occasioni eccezionali il mirto sostituiva l’alloro nelle corone offerte ai comandanti vittoriosi. 
L'impiego fitocosmetico della pianta risalirebbe invece al Medioevo, quando con “Acqua degli angeli” s'indicava il liquido distillato di fiori di mirto con cui venivano fatte abluzioni per conservare bellezza e amore. 
Il profumo dell’arbusto risvegliava non solo l’eros ma anche la gola, e proprio in campo alimentare, prima dell’arrivo del pepe, le sue bacche erano molto diffuse come ingrediente di salse o per esaltare i sapori della carne, come ricorda lo stesso Apicio. 
Con il mirto o mortella i Romani aromatizzato inoltre un insaccato che si chiamava “myrtatum”, probabile progenitore dellamortadella. 
L’uso massiccio del mirto arrivò fino al Medioevo, poi le sue qualità vennero dimentica, per tornare ad essere considerate dai contemporanei. 
Oggi questo arbusto è reputato un eccellente antisettico, balsamico, disinfettante (oli essenziali), mentre le sue virtù aromatiche trovano esaltazione sulle carni cotte alla brace e nella preparazione del liquore. 
Del mirto si colgono in estate le foglie ben sviluppate, e in autunno-inverno le bacche, quando sono perfettamente scure. 




 
786 Voti (Vota questa news )
 Stampa questa pagina Stampa

UtenteData/OraCommento

Non ci sono commenti per questa News



Utente     Accedi/Registrati
Commento  
Codice di sicurezza    
Che cos'è?

News

Sale dell'himalaya - 03/02/2013
Il sale dell'Himalaya (Continua...)

il Mirto - 29/04/2012
questa pianta meravigliosa ! (Continua...)

il sale ....nostro alleato ! - 14/12/2011
Lamppade utili e benefiche. (Continua...)

Lampade di sale!!! un regalo originale ! - 11/12/2011
Un ottimo regalo !!! (Continua...)

Vedi tutte le News

Clicca per accedere all'Area Clienti

Sanpaolo2 di Evangelista Salvatore | P.Iva 04340740010 | Corso Racconigi 83, 10139, Torino (TO) | Tel. 011 / 4332795 | Fax. 011 / 4332795 | E-Mail: sanpaolo2s@libero.it
Versione:2.0 sito | 2.8 beta lib - Area Riservata | Copyright s.p.2 @ 2010 |